Mixvlogger
Welcome
Login / Register

Raffaele Cutolo Il Boss d'Italia - Documentario Italiano sulla Camorra

Loading...

Thanks! Share it with your friends!

URL

You disliked this video. Thanks for the feedback!

Sorry, only registred users can create playlists.
URL


Added by Admin in $ Creative Commons
26 Views

Description

Per migliorare la nostra canale clicca su mi piace e condividi , non dimenticare di lasciare un commento per esprimere la tua opinione.
Raffaele Cutolo (Ottaviano, 4 novembre 1941) è un criminale italiano, fondatore nonché capo a guida della Nuova Camorra Organizzata.

Ha due fratelli, Pasquale e Rosetta Cutolo i quali intrapresero come il fratello una carriera criminale; Rosetta tuttavia condivise le sorti del fratello e fu importante per le attività della NCO.

Fu soprannominato 'o Professore dai suoi compagni di carcere perché l'unico tra di essi che sapesse leggere e scrivere
documentario su raffaele cutolo
parla della sua vita e il suo futuro e come deventato il boss della nuova camorra organisata di napoli e di tutta l'italia anche ha fatto lavorare con lui dei personi del governo e della polizia e carabinier per controlare tutto il paisi e avere un buisness nationale e intern nationele della druga e la prostituzione e cirminalita per dominare l'italia
Nacque il 4 novembre del 1941 (ma sui documenti, per errore di trascrizione dell'anagrafe, è segnato 10 dicembre 1941) ad Ottaviano (NA), da Michele e Carolina Ambrosio. Il padre, detto 'O monaco per la sua religiosità, era un contadino mezzadro più volte sottoposto alle vessazioni del padronato tanto da ricorrere ai favori del boss locale, Alfredo Maisto, responsabile del mercato nero campano al pari di Pasquale Simonetti, detto Pascalone 'e Nola.

È proprio grazie all'influenza di Maisto che il giovane Cutolo prende parte ad un omicidio avvenuto al mercato di Aversa: un luogotenente di Maisto, Aniello Scamardella, porta con sé il ragazzo e gli affida una pistola che utilizzerà per l'assassinio di un mercante per motivi legati alla trattativa di bestiame. Dopo la licenza elementare, non prosegue gli studi e svolge numerosi lavori come garzone presso artigiani locali. L'infanzia e l'adolescenza di Cutolo si completano in un quadro di degrado sociale e culturale dove è palese l'assenza dello Stato e l'egemonia dei latifondisti e della camorra rurale. Ebbe e riconobbe legalmente due figli, Roberto - nato dalla breve relazione (8 mesi) con Filomena Liguori (denunciata più volte per sfruttamento della prostituzione) - e Denise.

Roberto, pregiudicato, è stato ucciso a Tradate in Lombardia dalla 'ndrangheta per una vendetta trasversale il 19 dicembre 1990. Nel corso della latitanza, Raffaele Cutolo conosce Lidarsa Bent Brahim Radhia, una donna tunisina cui dedicò una poesia. Dalla relazione, nasce Yosra[1]. Nel 1980 Cutolo compra da Maria Capece Minutolo, vedova del Principe Lancellotti di Lauro, il Castello Mediceo, per una spesa di 270 milioni.[2] Il Castello, già appartenuto dal 1567 al ramo cadetto mediceo dei Medici di Ottajano, fu per pochissimi anni adibito a quartier generale della NCO, che Cutolo provvedeva a dirigere direttamente dalle carceri di Poggioreale e di Ascoli Piceno. Il suddetto Castello Mediceo (detto anche Palazzo del Principe), fu nel 1991 confiscato dallo Stato e dato in proprietà al comune di Ottaviano.

Nel 1983 sposa Immacolata Jacone, figlia di Salvatore[3], sorella di Giovanni[4] e Luigi Jacone[5], tutti pregiudicati. Il matrimonio viene celebrato dallo storico cappellano del carcere dell'Asinara, don Giorgio Curreli. Contrariamente a quanto si vede nel film a lui ispirato, Raffaele Cutolo sposa Immacolata Jacone nella suggestiva chiesa di Cala d'Oliva. Di quell'evento, che non mancò di suscitare polemiche, restano 36 foto mai rese pubbliche[6]. Il 30 ottobre 2007 diventa di nuovo padre[7]. La bambina viene concepita attraverso l'inseminazione artificiale cui si sottopose la moglie Immacolata Jacone grazie ad una speciale autorizzazione ottenuta nel 2001.

Post your comment

Comments

Be the first to comment
RSS